Sicurezza alimentare e corsi per gli addetti che non manipolano alimenti

Anche gli addetti che non manipolano alimenti sono tenuti, secondo la normativa vigente, a frequentare il corso obbligatorio e sostenere l’esame finale per ottenere l’attestato per addetti che non manipolano alimenti che sostituisce il vecchio libretto sanitario.

Ma chi sono gli addetti che non manipolano alimenti? Solitamente si tratta di dipendenti o liberi professionisti che per svolgere un determinato ruolo devono essere minuti di apposito attestato, sono frequenti ad esempio le offerte di lavoro per promoter con HACCP.

La normativa specifica che un soggetto per ricoprire determinati ruoli deve frequentare corsi per HACCP anche quando la mansione svolta non prevede un contatto diretto con gli alimenti.

Il datore di lavoro deve assicurarsi che tutti i dipendenti del suo esercizio commerciale siano in regola con la normativa ed abbiamo frequentato i corsi obbligatori per legge , inclusi gli addetti che non manipolano gli alimenti, secondo quanto previsto dai Regolamenti Europei 852/04 e 178/02.

La formazione specifica per chi non manipola gli alimenti

La normativa prevede che tutte le aziende che commerciano, conservano, producono o manipolano alimenti abbiamo dipendenti opportunamente formati secondo i principi della sicurezza alimentare, questo vale anche per coloro che non entrano in contatto diretto con alimenti o bevande come ad esempio i camerieri.

Ecco allora che il vecchio libretto sanitario si trasforma in un attestato da rilasciare in caso di esito positivo di un test di valutazione a cui i candidati vengono sottoposti alla fine di un corso della durata minima di 4 ore, il corso è fruibile anche online e gli attestati rilasciati a seguito di corsi online sono validi a tutti gli effetti di legge come un normale corso in aula a patto di essere riconosciuti da enti bilaterali.

Costi e sanzioni previste in caso di controlli

In caso di controllo da parte dell’autorità preposta il datore di lavoro risponde dei dipendenti che non hanno correttamente seguito il corso HACCP per addetti che non manipolano alimenti.
Nello specifico però, a differenza di quanto previsto per i corsi sulla sicurezza sul lavoro nel caso dell’HACCP il datore di lavoro non è obbligato a farsi carico delle spese necessarie per ottenere l’attestato ma è lo stesso lavoratore a frequentare il corso come base fondamentale del proprio backgroud professionale. Ecco come mai le offerte di lavoro per personale già munito di HACCP sono sempre più frequenti.

Per quanto riguarda eventuali sanzioni scattate a seguito di controlli è il datore di lavoro a rispondere perciò è suo dovere assicurarsi che tutti gli addetti siano regolarmente muniti di attestati validi.
Il D. Lgs. 193/2007 entrato in vigore nel Novembre 2007 definisce la disciplina sanzionatoria pecuniaria per la mancata o non corretta applicazione della normativa vigente in materia di sicurezza alimentare, le sanzioni in caso di irregolarità con i corsi HACCP variano in base ai vari regolamenti regionali.